L’uomo noto per aver iniziato una solitaria protesta del Fridays for Future a Mosca è attualmente a Berlino. Insieme alla moglie, Apollinaria Oleinikova, fotografa e anche attivista, ha attraversato il confine polacco per partecipare all’ultimo sciopero globale per il clima del 25 marzo e denunciare le violazioni dei diritti umani che Putin sta compiendo con i soldi del petrolio e del gas . Il Global Strategic Communications Council, una rete filantropica di pubbliche relazioni che aiuta gli scienziati, ha invitato Makichyan e Arina Bilai dalla Germania a scendere in piazza, insieme ad altri ambientalisti di tutto il mondo. «Chiediamo un embargo sull’acquisto di combustibili fossili russi e una transizione verso le energie rinnovabili – spiega il giovane ambientalista – Il governo di Putin non usa i soldi europei solo per comprare yacht e costruire edifici, ma anche per reprimere la società civile e uccidere gli ucraini .”. Makichyan si è espresso molte volte contro le azioni di Mosca. Makichyan è partito con l’idea di restare in Germania per un paio di settimane, ma non sa quando tornerà. Dopo i primi giorni di riposo, si è messo al lavoro per rivedere i suoi strumenti come attivista in Europa e non perdere l’occasione di manifestare contro i conflitti fossili. Era un violinista prima di iniziare la sua protesta settimanale, ma era difficile conciliare il suo impegno ambientale. Ha iniziato Fridays for Future Russia a Mosca, ispirato dal lavoro di Greta Thunberg. Makichyan non si è arreso nonostante i suoi tentativi di organizzare più scioperi. “Non c’è cultura dell’attivismo e al governo non piacciono cose del genere: anche per una manifestazione di 20 o 30 persone serve un permesso legale”. L’economia di Mosca è legata ai combustibili fossili e al lavoro di molte persone. Scendere in piazza è diventato ancora più difficile, se non impossibile, a causa della Pandemia e delle conseguenti restrizioni. Cominciarono ad arrestare persone che manifestavano da sole. Molti degli amici dell’ambientalista stanno tentando di lasciare il Paese. A Berlino, Makichyan e Oleinikova hanno la possibilità di dire che la guerra non è loro. È strano che questo riguardi il nostro Paese. Anche l’Europa è coinvolta, se continua a finanziarla con gas e petrolio. L’articolo “L’Ue smette di comprare carburante da Mosca, quindi finanzia il conflitto” è stato scritto dall’attivista dei Fridays for Future russi.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.