Dopo che l’attuale deputato Felice ia ha annunciato l’intenzione di ripresentarsi al seggio costituzionalmente garantito a un rappresentante della minoranza italiana – la presentazione della rinomina si terrà nelle prossime ore – è sceso in campo il presidente dell’Unione Italiana. Quattro anni fa Tremul fu sconfitto da ia, un chirurgo isolano che era il direttore sanitario del Policlinico di Isola. Con l’elezione andò a ricoprire il seggio che era stato di Roberto Battelli. Secondo quanto da lui stesso dichiarato, dalla necessità di rinfrescare il clima all’interno della comunità, trasparenza, unità e dialogo con tutte le forze politiche sono i valori chiave che Tremul ha posto alla base della sua candidatura. “Non mi aspetto che saremo tutti unanimi, ma sogno una Comunità in cui siamo tutti coinvolti, dove ci sia dialogo e senso di unità”, ha detto in conferenza stampa. Il deputato è stato criticato per non aver cercato e ottenuto un ampio consenso da parte di tutte, o almeno della stragrande maggioranza, delle forze politiche per una proposta di legge fondamentale. L’obiettivo della norma era di elevare il livello delle competenze linguistiche del personale impiegato nelle scuole di insegnamento della lingua italiana. Il testo della legge è stato infine affondato a causa delle forze politiche, secondo ia.