“The Sandman” di Netflix è buono? I critici sono divisi — Ecco cosa dicono le recensioni.

Sia i fan del fumetto originale di Neil Gaiman che gli spettatori che non avevano familiarità con il materiale sono stati attratti dal film. Vale la pena guardare lo spettacolo, ma presenta le stesse sfide per i fan del fumetto come per i nuovi arrivati: adattare una storia ampia e complessa per la TV. La trama segue Dream, alias Morpheus (Tom Sturridge, “Sweetbitter”), che è uno degli Endless, che sono essenzialmente divinità (gli altri membri degli Endless, che lui chiama i suoi “fratelli”, includono Death, Despair e Desire; tutte figure dall’aspetto umano che hanno un controllo divino su queste qualità tra la popolazione più ampia). Lo spettacolo condivide i punti deboli del suo materiale originale, come il fatto che non rappresenta il miglior caso per la storia in cui lo spettatore si sta imbarcando. Ci sono alcune piccole libertà prese, ad esempio, il Corinthian che compare prima nello show rispetto al fumetto, ma esistono principalmente per legare insieme una serie di storie che sono un po’ meno connesse nel fumetto e farle sentire come se un’unica, unificata stagione televisiva. La struttura di base del fumetto rimane, con la ricerca di Dream che lo porta in luoghi esotici come l’Inferno e spaventosi come la Florida. Lo spettacolo è un’impresa di traduzione da stampa a schermo, con un riarrangiamento narrativo sufficiente per creare linee convincenti per tutta la stagione. I risultati sono così arruffati e uniformi, con personaggi e episodi dei fumetti che aggiungono poco alla storia sullo schermo, che le ragioni per non adattarsi non sono mai maggiori. Sebbene gli effetti visivi a volte siano impressionanti, finiscono per non essere la costruzione del mondo o paesaggi fantasiosi che hanno il compito di far funzionare la storia in un nuovo mezzo, ma piuttosto gli attori stessi. Holbrook offre una performance avvincente che rende molto utile l’aumento del tempo sullo schermo del Corinthian, mentre David Thewlis offre un’ottima interpretazione dell’imperscrutabile John Dee. La simpatia di Vanesu Samunyai rende facile fare il tifo per Rose Walker poiché essenzialmente prende le redini nella parte posteriore dello show, mentre Dance e Christie iniettano una presenza memorabile nei loro ruoli contenuti. C’è un cambio di genere nei libri, così come il bibliotecario che era Lucien e il cacciatore di demoni John Constantine. Come qualcuno che viene allo show televisivo e ai libri in ordine inverso, nel peggiore dei casi tutto mi sembra un miglioramento. Ci sono momenti in cui Dream sembra una versione alta e magra del Robert Smith dei Cure, con i suoi capelli neri e appiccicosi, la pelle pallida e l’abbigliamento scuro. Dream lotta più della decisione dello show di umanizzare completamente il suo aspetto. Il re dei sogni è un personaggio difficile con cui entrare in contatto all’inizio e questa connessione arriva con il tempo. Stephen Fry interpreta Gilbert, un cavalleresco gentiluomo edoardiano che viene in aiuto di Rose Walker, un grazioso gargoyle, e la voce di Matthew, un corvo. Gli elementi della storia dell’orrore sono nella serie, ma nel fumetto hanno usato la violenza contro bambini, donne e comunità emarginate. Anche se a volte la sua premessa e la costruzione del mondo sembrano un po’ oscure, per la maggior parte, è ancora meno confusa rispetto ad altri programmi simili come “Westworld” o “The Witcher”. La volontà del materiale di partenza di spostare il carattere del titolo ai margini quando necessario è uno dei maggiori punti di forza del fumetto. Sembra che ci siano state molte torsioni di mano su come la narrativa frammentaria si sarebbe tradotta mentre si guardava “The Sandman”. Dopo che la prima metà della stagione è stata visivamente ambiziosa e minacciosamente tesa, il ritmo rallenta e il flusso narrativo è stagnante finché non ti senti come se ti fossi appena svegliato sul divano con gli occhi annebbiati. Ci sono pochissime scene in questa serie che non sono sbalorditive da guardare. Un adattamento fedele e amorevole di un fumetto che molti tengono a cuore, e la serie è in grado di conservare gran parte dei punti di forza del materiale originale senza fare gravi passi falsi che getterebbero un’ombra sull’intera impresa. Gli episodi 5 e 6, che hanno una portata più limitata e meno fratturati, sono chiari punti salienti che saranno sufficienti per molti devoti di “The Sandman” per segnare questo adattamento nella colonna della vittoria.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.