Più di 40 persone uccise a Gaza nel fine settimana di violenze.

Un militante palestinese ha lanciato razzi verso Gerusalemme domenica, dopo che gli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza hanno ucciso un alto comandante militante. La risposta del gruppo sostenuto dall’Iran ha segnato un’altra escalation di violenza che ha causato la morte di dozzine di persone a Gaza e ha inviato migliaia di israeliani in cerca di rifugi. Secondo i funzionari israeliani, un leader della Jihad islamica nel sud di Gaza è stato ucciso durante un attacco aereo durante la notte. Israele ha detto che ci sono stati numerosi attacchi terroristici contro gli israeliani. È il secondo comandante della Jihad islamica ad essere ucciso da venerdì, quando Israele ha lanciato un’operazione a sorpresa, “Breaking Dawn”, innescando il peggior attacco di violenza tra israeliani e palestinesi da una breve guerra lo scorso maggio. Israele ha ucciso lo stesso giorno il leader delle operazioni del gruppo nel nord di Gaza. I palestinesi piangono la morte di un comandante della Jihad islamica. L’esercito israeliano afferma di aver colpito dozzine di obiettivi aggiuntivi da allora, inclusi siti di lancio di razzi, impianti di produzione di armi e un tunnel che era in costruzione per consentire ai militanti di entrare in Israele. L’esercito israeliano ha detenuto sospetti agenti della Jihad islamica in Cisgiordania per due notti di seguito. Secondo i funzionari israeliani, la Jihad islamica, il più piccolo dei due gruppi militanti a Gaza, ha sparato più di settecento razzi da venerdì.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.