Dopo essere stato arrestato dalle autorità di Mosca mentre cercava di lasciare il Paese, un giovane matematico ucraino si è suicidato in Russia. Lo ha annunciato l’associazione dei matematici ucraini sui social. A causa della guerra, Olmezon dovette lasciare la città e trasferirsi in Russia, dove frequentava l’Istituto di Fisica e Tecnologia di Mosca. Secondo l’associazione, è stato trattenuto per 15 giorni perché aveva cercato di fuggire dalla Russia dopo aver protestato contro la guerra in Ucraina. Fu invitato a continuare i suoi studi in Austria. L’associazione ricorda che Olmezov era un poeta e un amante della matematica. Il messaggio d’addio lasciato dal giovane matematico è stato riportato dai matematici ucraini. I came to Russia in order to do science. Ogni volta che un proiettile cade per le strade di Kiev, sono ferito. Anche se è chiaro che non ho salvato nessuno, sono stato con te con tutto il cuore, anche se la mattina del 24 febbraio mi sono sentito tradito. L’agenzia di stampa nazionale ucraina Ukrinform ha riferito che l’avvocato russo del giovane matematico ha affermato di essersi suicidato. Secondo l’agenzia di stampa Unian, contro il matematico era stato creato un protocollo amministrativo che avrebbe comportato la sua detenzione per 15 giorni. Ha iniziato gli studi universitari in matematica in Russia a causa della guerra. “Sono ferito da ogni proiettile che cade a Kiev” è una citazione de Il Fatto Quotidiano.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.