La questione politicamente più delicata nei negoziati è se rimuovere la designazione di terrorismo degli Stati Uniti per le Guardie rivoluzionarie iraniane. La questione sta causando l’opposizione all’accordo nucleare a Washington e tra gli alleati del Medio Oriente come Israele, dove il governo ha emesso una critica pubblica pungente a qualsiasi tentativo di rimuovere la designazione terroristica del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche. I vantaggi economici di un accordo nucleare per l’Iran saranno compensati dal fatto che le compagnie straniere non tratteranno con le aziende iraniane legate alle Guardie. Se l’Iran ottiene un’arma nucleare, la minaccia rappresentata dall’IRGC e da altre entità terroristiche sarebbe molto peggiore, secondo i funzionari statunitensi. In un momento critico delle discussioni sui passi che Washington e Teheran prenderanno per conformarsi nuovamente a un accordo che gli Stati Uniti si sono ritirati sotto l’ex presidente Donald Trump e che da allora l’Iran ha violato con una massiccia espansione del suo lavoro nucleare, il divario sull’IRGC arriva la designazione di terrorismo. Se l’Iran si impegna a frenare la sua aggressione regionale e si astiene dal prendere di mira gli americani, l’IRGC sarà rimosso dall’elenco statunitense delle organizzazioni terroristiche straniere, secondo le persone coinvolte nei colloqui. Secondo le persone vicine ai colloqui, la scorsa primavera il team statunitense ha messo in dubbio la possibilità di revocare la designazione di terrorismo dell’IRGC con l’approvazione di alcuni a Washington. Funzionari statunitensi affermano che dietro l’offerta di revocare la designazione del terrorismo c’è Washington se l’Iran rispetta le sue condizioni. Gli sforzi dell’amministrazione Biden per rilanciare l’accordo nucleare sono stati evidenziati dalla designazione dell’IRGC. L’Iran vuole che l’amministrazione Biden tolga le sanzioni che non sono legate al suo programma nucleare. Gli alleati degli Stati Uniti nella regione temono che se Washington revoca le sanzioni terroristiche sull’IRGC, ciò incoraggerà i delegati sostenuti dall’Iran come Hezbollah in Libano. Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha dichiarato domenica di essere molto preoccupato per la resa degli Stati Uniti all’Iran e la rimozione dell’IRGC dall’elenco delle organizzazioni terroristiche. I sostenitori dell’accordo nucleare sostengono che le sanzioni al terrorismo non hanno fatto nulla per limitare la minaccia delle Guardie. Sono gli Stati Uniti. Ali Vaez, direttore del progetto Iran, ha affermato che l’insistenza nel mantenere sanzioni superflue che non hanno fatto alcuna differenza nel comportamento dell’IRGC è stata assurda quanto l’insistenza dell’Iran nel revocare una designazione che non farebbe nulla per rendere l’IRGC meno radioattivo per multinazionale

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.