Potrebbe non essere possibile riabilitare la reputazione del film, ma questo restauro 4K di Star Trek V: L’ultima frontiera è sicuramente buono.

William Shatner sarebbe tornato per il prossimo film di Star Trek solo se gli fosse stata data la possibilità di dirigerlo.

Batman, Indiana Jones e l’ultima crociata e Ghostbusters II sono stati alcuni dei caldi successi estivi contro cui Star Trek V: L’ultima frontiera non è andato molto bene.

Nonostante sia il più debole dei film originali di Star Trek con una trama contorta, effetti speciali a livello di budget e una risoluzione debole, The Final Frontier è stato rivalutato in diverse aree, anche per la sua portata ambiziosa.

Il nuovo remaster 4K presenta il film in un modo migliore rispetto alla serie televisiva originale.

Star Trek V: The Final Frontier è presentato nelle sue proporzioni originali di 2,35:1, con compressione H.265 e rifinito con un passaggio Dolby Vision.

Come con i suoi tre predecessori, la Paramount è tornata al negativo della fotocamera originale per produrre il nuovissimo trasferimento 4K, che sostituisce in maniera definitiva il precedente master HD.

Star Trek V: L’ultima frontiera è presentato in 24 bit.

Star Trek: L’ultima frontiera è coerente come i mix precedenti.

Questo è uno sforzo solido che fa abbastanza per essere impressionante, ma è un peccato che la Paramount non abbia fatto il possibile per preparare un nuovo mix Dolby Atmos.

A differenza dei media fisici negli Stati Uniti e nel Regno Unito, la Paramount ha deciso di non includere una copia del DVD standard nella versione australiana.

Tutte le funzionalità basate su video, comprese le featurette di creazione e le scene eliminate, mancano nella versione australiana perché la Paramount non ha incluso una copia del DVD standard.

You may also like

Crotone

Il progetto si propone di supportare i malati di Alzheimer e le loro famiglie nell’organizzazione ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *