C’è una visione inquietante dei Pilastri della Creazione nei dati dello strumento a medio infrarosso MIRI.

Molte delle stelle sono invisibili a MIRI.

I Pilastri hanno un aspetto grigio su di loro.

Gli astronomi vogliono studiare le nuvole di polvere usando la luce del medio infrarosso.

Le nuvole di polvere sono più fresche nella regione rossa a forma di V verso l’alto.

Le giovani stelle ancora incorporate nel gas e nella polvere sono visibili solo a queste lunghezze d’onda.

Le stelle più vecchie dall’aspetto blu si liberarono e divorarono le loro nuvole di nascita.

Ci vogliono il telescopio spaziale Hubble e ora il JWST per vedere l’intera estensione di questa enorme nuvola.

È una nebulosa a emissione diffusa che misura 70 x 55 anni luce e si trova nella costellazione del Serpente.

I luoghi in cui sono nate le stelle possono essere visti nella prima immagine di Hubble.

I bambini stellari si chiamavano EGG.

Gli astronomi hanno una buona idea di come progredisce la nascita delle stelle in spesse nubi di gas e polvere perché si trovano in altri vivai stellari.

L’Osservatorio a raggi X Chandra non ha trovato sorgenti di raggi X associate alle stelle appena nate, ma Hubble ha ripreso le immagini dei Pilastri della Creazione.

Non ci sono molte prove che l’onda d’urto abbia ferito i neonati o spazzato via il resto della nuvola.

L’ultima vista grigio acciaio dei Pilastri della Creazione sullo sfondo rosso e grigio brillante non è la prima volta.

Quella vista mostrava molte delle stelle che si formavano all’interno delle stalagmiti.

Possiamo vedere attraverso il gas e la polvere quando solleviamo il velo sulla nascita delle stelle.

Le giovani stelle in questi pilastri hanno probabilmente qualche centinaio di migliaia di anni e non finiranno di formarsi per milioni di anni.

Il processo di nascita crea getti che sparano dalle stelle appena nate.

I materiali delle nubi di nascita vengono mangiati dai getti.

I pilastri sono modellati dalle nuvole.

Gli astronomi possono ottenere uno sguardo più dettagliato sulla formazione stellare dalle immagini dei Pilastri della Creazione.

Gli scienziati hanno una buona visione di come si formano le stelle, ma i dettagli sono ciò di cui hanno bisogno.

Possono aumentare le conoscenze sulla nascita delle stelle osservando le popolazioni di neonati come quelle dei Pilastri e mappando le enormi nubi di gas e polvere in questa regione.

La nostra stessa regione dello spazio doveva assomigliare a questa cinque miliardi di anni fa.

Il nostro Sole e i suoi fratelli stellari hanno iniziato a formarsi da un tipo simile di nube di gas e polvere.

You may also like

NASA Artemis I

La distanza massima che Orion raggiungerà dalla Luna durante la missione è di oltre 92.000 ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *