Il capo delle forze per procura russe nell’Ucraina orientale ha inviato un messaggio al leader della Corea del Nord chiedendo cooperazione. Un mese fa, la Corea del Nord è diventata una delle poche nazioni al mondo a riconoscere l’indipendenza di Luhansk e dell’altra regione sostenuta dalla Russia nell’Ucraina orientale. Ci sono indicazioni che la Corea del Nord stia riconsiderando i suoi piani per inviare lavoratori per progetti di restauro in quelle regioni a causa delle sanzioni dell’ONU. Secondo l’agenzia di stampa centrale coreana, Denis Pushilin ha espresso la speranza che la sua repubblica sostenuta da Mosca e la Corea del Nord possano realizzare una cooperazione bilaterale ugualmente benefica, in accordo con gli interessi del loro popolo. La Russia ha sostenuto le sanzioni contro la Corea del Nord in risposta al loro test missilistico a lungo raggio. Ned Price, un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha criticato i suggerimenti russi secondo cui i lavoratori nordcoreani potrebbero essere impiegati per progetti di restauro nelle regioni dell’Ucraina occupate dalla Russia. Secondo l’agenzia di stampa Tass, l’ambasciatore russo in Corea del Nord ha affermato che i lavoratori edili nordcoreani potrebbero potenzialmente aiutare a ricostruire la regione. Il 15 agosto è l’anniversario della liberazione della penisola coreana dal dominio coloniale giapponese. Ha detto che il popolo della regione del Donbas sta combattendo per riconquistare la propria libertà e giustizia della storia come fecero i coreani 77 anni fa. La regione del Donbas è una regione prevalentemente di lingua russa con acciaierie, miniere e altre industrie nell’est del paese. Il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza di entrambe le province dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina. Kim ha sfruttato una divisione nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che si è approfondita sull’invasione russa dell’Ucraina per accelerare lo sviluppo delle sue armi mentre cerca di cementare il Nord come potenza nucleare e negoziare la rimozione delle sanzioni guidate dagli Stati Uniti.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.