Non conosciamo la storia della moda, ma ne parliamo con facilità. I primi capi “haute couture” furono creati a Parigi da un sarto di origine inglese di nome Charles Work che fu il primo a creare abiti di suo gusto e non su commissione. Pensiamo in italiano quando si parla di alta moda dato che nasce nella bellissima città di Torino il 31 marzo 1911. L’amore per l’arte sartoriale nasce da una passione familiare tramandata da mia nonna materna, sarta personale di una Duchessa di Nosadello (un piccolo paese in provincia di Cremona) che amava tagliare e cucire bellissimi abiti su misura per me, mia madre che ha disegnato modelli stravaganti ed eleganti oltre alla sua grande abilità nell’uncinetto e nel lavoro a maglia. Sono entrata in contatto con il contesto internazionale grazie a conoscenze ricche di esperienze in vari paesi africani, Medio Oriente, Sud America che mi hanno affascinato e, allo stesso tempo, mi hanno permesso di ampliare le mie conoscenze culturali. Come ti piace farti conoscere nel mondo della moda?. R – Nel mondo della moda, e non solo, uso un soprannome: “Mary San” R – Rispondo a questa domanda con una famosa citazione dello scrittore e drammaturgo: Honoré de Balzac: “L’abbigliamento è, allo stesso tempo , una scienza, un’arte, un’abitudine, un sentimento “proprio perché la creatività nel realizzare i nostri abiti trae ispirazione da un’essenza intrinseca di bellezza che ci appartiene e da tutto ciò che l’occhio umano coglie e custodisce: la natura, i colori, il cielo, mare, terra, puntando con stile sull’ecosostenibilità. Gli elementi sartoriali in cui spicca la nostra arte sono in primis i coloratissimi tessuti etnici africani, di cui parleremo più avanti, che costituiscono un connubio con le preziose trame dei tessuti made in Italy, la raffinatezza del design italiano e ovviamente le rifiniture a mano loro rappresentano. caratteristica della sartoria artigianale di qualità. Le opere d’arte prendono vita da una vasta gamma di tessuti e tonalità, che esaltano l’estetica dell’abito e la personalità della donna che lo indossa. I colori accesi dei tessuti etnici africani con il “made in Italy” ovvero la qualità della materia prima sono assemblati armoniosamente da SK&MS. È nero perché è elegante, sexy e intrigante in cui si riflette la mia personalità. Come si prepara uno stilista per una sfilata importante?. La preparazione di un evento di moda richiede un alto livello di impegno e ogni azione deve puntare alla perfezione. Quali sono le figure e le loro competenze nel vostro staff?. In sinergia con me, il mio compagno è titolare di uno studio di sartoria nella sua terra natale, e lavora nello staff creativo di SK&MS. Per SK&MS si profilano progetti ambiziosi che coinvolgono non solo le collezioni del brand ma anche la collaborazione con Silvya Benenchio, Direttrice e docente dell’Accademia d’Arte finalizzata al connubio tra arte e moda nonché alla valorizzazione dei talenti emergenti