Su questi punti è imperniato il progetto di restauro dei Giardini Reali che il Consorzio della Villa Reale e del Parco di Monza ha presentato nell’ambito del PNRR. Il Consorzio Villa Reale e Parco introdurrà moderni sistemi di controllo del patrimonio verde che adatteranno gli standard di gestione, manutenzione, sicurezza e accessibilità. La piattaforma web, grazie anche all’interazione dei visitatori, metterà a disposizione un sistema informativo integrato che consentirà interventi puntuali e tempestivi, l’uso efficiente delle risorse (acqua ed energia), i servizi ecosistemici, la misurazione della riduzione dell’inquinamento ambientale, il regolazione del microclima, stoccaggio di CO2. “Sono fondi enormi, alcuni sono giustamente concentrati nelle aree che necessitano di maggiore sviluppo, ma non è detto che riusciremo a spenderli tutti in tempo”, ha detto il ministro del Turismo, a margine di un incontro con i autorità. I mercati delle nostre merci cambieranno inevitabilmente in modo strutturale mentre cambiano i mercati delle materie prime. Se il governo chiedesse una revisione del PNR a causa della situazione eccezionale in cui ci troviamo, lo sosterremmo. Vogliamo fare in modo che gli investimenti del PNR e quelli del Piano Lombardia vengano realizzati per circa 5 miliardi di euro. Fontana ha sottolineato che l’indice di vulnerabilità sociale e materiale non riflette la nostra situazione reale. Dobbiamo fare in modo che la NRRR sia una grande opportunità per ricucire il Paese e per costruire progetti su misura su territori diversi, dalle montagne alle zone interne o svantaggiate, da nord a sud. “Dobbiamo semplificare il più possibile, rispettare le scadenze e lavorare insieme, mi sembra che il clima sia proprio questo”, ha detto il ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini a margine dell’incontro con gli enti locali. Ci sono problemi legati all’enorme mole di lavoro che mette sotto stress le amministrazioni centrali dei ministeri, ma anche gli enti locali, ma c’è la consapevolezza che è un’opportunità che non possiamo perdere. All’incontro promosso oggi da Regione Lombardia e Anci Lombardia sulle misure per la realizzazione delle opere previste dal PNRR, questo è stato proposto e richiesto dal Presidente della Giunta regionale. Mauro Guerra, presidente di Anci Lombardia, ha detto a margine dell’incontro in Regione dedicato al confronto con gli enti locali sul Pnrr: “Possiamo vincere questa sfida solo se tutti i livelli istituzionali collaboreranno lealmente, con il massimo impegno e si coordinano nel attività.”. C’è bisogno di grande qualità nelle scelte che facciamo e nei progetti che mettiamo in atto, ecco perché era importante oggi avere questo momento. Mia notizie.