San Francesco fu il fondatore dell’Ordine dei Minimi. Il patrono della Calabria nacque qui il 27 marzo 1416. Il santo è spesso raffigurato con uno scudo nobile sul capo o sul petto su cui si legge la scritta “Charitas”, emblema che rimanda ad una visione angelica avvenuta mentre era assorto in preghiera. Il Regno delle Due Sicilie è protetto da San Francesco di Paola, che viene invocato contro incendi, sterilità ed epidemie. Si celebra ogni anno a Paola nell’anniversario della sua canonizzazione il 1° maggio, poiché non può essere celebrata come festa liturgica perché ricorre quasi sempre in Quaresima. I festeggiamenti si tengono dal 1° al 4 maggio perché la notizia è arrivata tre giorni dopo. Giovanni XII lo dichiarò “Patrono celeste presso Dio della Calabria” il 22 giugno 1962. Nel 1990 è stato dichiarato “Ambasciatore dei bambini e dei giovani di tutta la Calabria”. San Francesco è rappresentato da un bastone in mano e da una fluente barba bianca. Nell’attraversare lo Stretto di Messina con il suo mantello, è sostenuto dal suo bastone in compagnia di un frate. C’è un teschio con una mano e un flagello con l’altra. Galleggia sopra una folla di fedeli con accanto il motto CHARITAS.