Il Mediolanum Forum di Milano sarà ancora pieno per Gara 6. Ha sofferto l’interno gioco del Bologna, soprattutto nel primo tempo con Jaiteh, poi nel secondo tempo con Shengelia anche se combinazione di fallo tecnico fischiato contro Melli, tiro libero di Belinelli e tripla di Shengelia in break la partita a due minuti dalla partita. fine. Il Bologna ha il miglior inizio di serie, attaccando i tre secondi in area e soprattutto sfruttando la stazza fisica di Jaiteh. Il Milan fatica sia dietro che in attacco, pareggia subito in panchina, ma soffre, concede anche due partite da tre punti e scivola subito sotto i 10. Quattro tiri liberi sbagliati nel primo periodo racchiudono la rimonta e con la Virtus al 71,0% da due del quarto, con nove punti e cinque rimbalzi di Jaiteh, alla fine è ancora meno 13, 25-12. Rodriguez ha rubato la palla al primo possesso della partita e Cordinier ha segnato una tripla dall’angolo per allargare il disavanzo a 14 punti. Rodriguez, con il supporto della difesa interna di Ricci e Melli, segna altri cinque punti consecutivi e ristabilisce i sette punti di vantaggio dopo due minuti e 19. Una tripla di Hall fa meno quattro, ma nel momento migliore dell’Olimpia deve uscire Rodriguez con il secondo fallo. Il Bologna riparte, ricostruisce un vantaggio di otto punti e continua ad avere molto da Jaiteh (17 in 17 minuti, 8/8 dal campo). Il Milan sta provando a reagire sull’asse Rodriguez-Melli. I due assist consecutivi di Grant per Hines e poi la sua scomparsa riportano l’Olimpia a meno tre. C’è un ponticello di Pajola e una tripla di Belinelli per il nuovo più otto. Poi, con Melli. Uno scarico cross-field di Shields e un rimbalzo offensivo di Jerian Grant hanno dato al gioco un traguardo di quattro punti. Shields cade sul piede dell’avversario dopo un tentativo da tre punti e prende anche un tecnico, quello che permette a Belinelli di rimettere indietro la Virtus con la testa in avanti. Rodriguez ha ancora un triplo impatto, Belinelli allunga a più di tre. La tripla è stata messa da Shengelia dall’angolo. “E’ stata una partita difficile per noi, nonostante questo siamo riusciti a rientrare e ad andare avanti con il punteggio anche a cinque minuti dalla fine”, ha detto il tecnico Ettore Messina. Credo sia stato decisivo il fallo tecnico fischiato a un nostro giocatore a due minuti e mezzo dalla fine. Penso che ci sia una differenza di giudizio rispetto a quello che ha fatto un giocatore della Virtus: ha protestato, è andato duro contro l’arbitro anche dopo il primo fallo tecnico. La rimonta in campionato fallirà, ma l’Olimpia ci riproverà in gara 6.