Il ministro degli Esteri è tornato a parlare del movimento 5 stelle un giorno dopo l’attacco di Luigi Di Maio al leader. “Mi sono permesso di sollevare questioni e aprire un dibattito su alcune questioni come la NATO, la guerra in Ucraina, la transizione ecologica, e ho ricevuto insulti personali come quelli che ho visto sui giornali questa mattina”, ha detto ai giornalisti a margine di una visita a Castellamare. Quando vengono sollevate questioni ci sono attacchi personali e questo non è accettabile per l’elettorato. Non abbiamo un’idea chiara delle ricette per il nostro paese. “Invito i membri a votare secondo i principi se il movimento è una forza che si sta radicalizzando”, ha affermato Di Maio in modo provocatorio. Qual è lo scopo di modificare la regola del secondo termine?. Invito i membri a votare secondo i principi fondamentali del movimento, perché questa è una forza che si sta radicalizzando all’indietro. Secondo l’articolo M5s, la provocazione di Di Maio sulla regola del doppio mandato, è giusto mantenerla.