I funzionari ucraini hanno rifiutato con aria di sfida una richiesta russa affinché le loro forze a Mariupol depongano le armi e alzino bandiere bianche lunedì in cambio di un passaggio sicuro fuori dal porto strategico assediato. Secondo i funzionari ucraini, la Russia ha bombardato la città meridionale circondata dal Mar d’Azov, colpendo una scuola d’arte e offrendo di aprire due corridoi fuori città in cambio della capitolazione dei suoi difensori. La proposta russa per un passaggio sicuro fuori Mariupol è stata respinta dai funzionari ucraini. Il sindaco di Mariupol ha rifiutato l’offerta poco dopo che era stata presentata, dicendo in un post su Facebook che non aveva bisogno di aspettare fino al mattino per rispondere e imprecare contro i russi. Diversi edifici civili bruciano durante gli attacchi russi nel distretto di Livoberezhnyi di Mariupol, in Ucraina, il 20 marzo 2022. Secondo le autorità ucraine, l’esercito russo ha bombardato una scuola d’arte nella città portuale di Mariupol dove si erano rifugiate centinaia di persone. L’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti ha riferito che il ministero della Difesa russo ha affermato che le autorità di Mariupol potrebbero affrontare un tribunale militare se si schierano con i banditi. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato lunedì in un discorso video che un attacco aereo russo ha colpito una scuola dove si erano rifugiate 400 persone, ma non era chiaro quante di loro fossero state uccise. La caduta di Mariupol consentirebbe alle forze russe nell’Ucraina meridionale e orientale di unirsi. Gli analisti militari occidentali affermano che anche se la città viene presa, le truppe che combattono un blocco alla volta per il controllo potrebbero non essere sufficienti per garantire altre vittorie russe. Una cucina danneggiata è stata vista in un condominio colpito dai bombardamenti a Kharkiv, in Ucraina. Tre settimane dopo l’invasione, le due parti sembrano cercare di indebolire l’altra, dicono gli esperti, con le forze russe impantanate che lanciano missili a lungo raggio contro città e basi militari, mentre le forze ucraine effettuano attacchi mordi e fuggi e cercare di interrompere le linee di rifornimento russe. L’Istituto per lo studio della guerra ha affermato che i combattimenti a Mariupol stavano costando tempo, iniziativa e potenza di combattimento all’esercito russo. Lo sciopero della scuola d’arte è seguito all’attacco a un edificio pubblico dove si erano rifugiati i residenti di Mariupol. I funzionari ucraini non hanno fornito aggiornamenti sulla perquisizione del teatro da venerdì, quando hanno affermato che almeno 130 persone erano state salvate. Almeno 2.300 persone sono morte in città, alcune delle quali sepolte in fosse comuni. Secondo i giornalisti di AP presenti sul posto, sei persone sono rimaste uccise dai bombardamenti nel densamente popolato quartiere di Podil non lontano dal centro della capitale. Secondo il sindaco, i bombardamenti russi hanno colpito diverse case a Podil. Le truppe russe stanno cercando di circondare la capitale, che prima della guerra contava quasi 3 milioni di persone.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.