El-Erian ha detto alla CNBC che gli aumenti dei tassi di interesse mostrano che le banche centrali si rendono conto che devono agire per frenare l’inflazione. Il mercato deve lasciare un mondo a tasso zero in cui gli investitori fanno cose stupide, secondo l’economista. Gli aumenti dei tassi di interesse di questa settimana mostrano che le banche centrali sono consapevoli della necessità di affrontare l’inflazione, e non è troppo tardi, secondo il principale economista Mohamed El-Erian. Giovedì ha detto alla CNBC che è giunto il momento di uscire dal mondo artificiale delle massicce iniezioni di liquidità in cui tutti si abituano ai tassi di interesse zero. Ha detto che non dovremmo investire nell’economia in modi che non hanno senso. Sarà accidentato quando usciremo da quel regime. El-Erian ha parlato dopo che la Federal Reserve statunitense ha aumentato i tassi di interesse di 75 punti base, il triplo dell’entità del suo tipico aumento e del suo più grande aumento una tantum dei tassi dal 1994. La Banca centrale europea ha deciso di creare uno strumento di lotta alla crisi dopo essersi impegnata ad aumentare i tassi di interesse di 25 punti base a luglio. El-Erian ha affermato che le banche centrali stanno affrontando un giorno di resa dei conti a causa dell’elevata inflazione. L’inflazione statunitense ha raggiunto l’8,6% a maggio, il livello più alto da oltre 30 anni. Il fatto che le banche centrali siano in ritardo sull’inflazione è un grande campanello d’allarme. Che si tratti dei 75 punti base di ieri o della Banca nazionale svizzera di oggi. Giovedì la Banca nazionale svizzera ha sorpreso i mercati alzando i tassi di 50 punti base, segnalando una svolta dal tenere sotto controllo la propria valuta per concentrarsi sull’aumento dell’inflazione. El-Erian ha affermato che è stato più significativo di quanto accaduto ieri sera perché la Banca nazionale svizzera combatte sempre una valuta forte. Ha detto che mostra che siamo nel mezzo di un cambio di regime laico. Non vogliono essere quello. La Banca del Giappone ha affermato che si attiene a tassi di interesse ultra bassi per sostenere l’economia e non preoccuparsi dell’inflazione. Alcuni analisti temono che tassi di interesse più elevati provocheranno una recessione delle economie. Mentre l’inflazione aumenta e la Fed aumenta i tassi, UBS spiega perché vede un prezzo del petrolio “più alto per più a lungo” e spiega come gli investitori possono sfruttarlo.