I paesi membri dell’Organizzazione mondiale del commercio hanno concordato venerdì una misura ristretta volta ad aumentare le forniture di vaccini Covid-19 nei paesi in via di sviluppo, concludendo un’aspra lotta sui diritti di brevetto aziendali che regolano i prodotti medici critici durante una pandemia. La misura di compromesso sui diritti di proprietà intellettuale renderà più facile per le aziende nei paesi in via di sviluppo come il Sud Africa produrre ed esportare un vaccino brevettato Covid-19 senza l’approvazione del titolare del brevetto se hanno l’approvazione dei propri governi. Riunione per la prima volta in quasi cinque anni, i ministri del Commercio di oltre 100 paesi hanno concordato misure per ridurre i sussidi per proteggere gli stock ittici e si sono impegnati a ridurre al minimo le restrizioni all’esportazione di prodotti alimentari. Il direttore generale dell’OMC Ngozi Okonjo-Iweala, la prima donna del gruppo e il primo leader africano, ha spinto i paesi membri a fornire accordi durante la riunione ministeriale dopo che il gruppo ha lottato per anni per produrre. La norma sulla proprietà intellettuale sui prodotti farmaceutici include una disposizione che consente alle aziende di realizzare un prodotto brevettato a pagamento senza l’accordo del titolare del brevetto. La proposta originale avanzata da India e Sud Africa per alleviare la carenza di vaccini nei paesi in via di sviluppo era molto più ambiziosa. Secondo l’industria farmaceutica e le lobby commerciali, la revisione dell’accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale relativi al commercio lascia la porta aperta a nuove sfide ai loro diritti di proprietà intellettuale. Myron Brilliant, vicepresidente esecutivo e capo degli affari internazionali presso la Camera di commercio degli Stati Uniti, ha affermato che i diritti di proprietà intellettuale hanno contribuito a fornire vaccini contro il Covid-19 in tempi record. L’amministrazione Biden continuerà a lavorare con i membri dell’OMC, il settore privato e altri partner per espandere la produzione e la distribuzione di vaccini per facilitare la ripresa sanitaria globale, anche se alcuni degli accordi annunciati venerdì mattina erano stati attenuati dalle loro proposte originali per ottenere paesi a bordo, hanno detto i delegati. I risultati dell’incontro sono visti dal mondo come un segnale che l’ordine multilaterale non è rotto, ha affermato Piyush Goyal, ministro indiano del commercio e dell’industria. L’offerta di astenersi dai benefici concessi ai paesi in via di sviluppo, anche se si classifica ancora come tale, è sfuggita alle critiche dei governi occidentali negli accordi.