L’Arabia Saudita sta pianificando un’importante spinta nel tennis femminile portando un evento del WTA Tour nello stato del Golfo, mentre cercano di espandere la propria portata dopo il lancio della LIV Golf Series. La Women’s Tennis Association non escluderebbe un collegamento con lo stato quando viene contattata. Negli ultimi cinque anni, i sauditi hanno cercato di ottenere un accordo con il tour maschile, ma sono stati respinti. Steve Simon, l’amministratore delegato del WTA Tour, si è espresso contro la Cina l’anno scorso, ma i principi hanno danneggiato l’accesso a una fonte chiave di fondi per l’organizzazione. L’Arabia Saudita ha cercato in passato di pagare un sacco di soldi ai fuoriclasse per giocare nelle esibizioni. L’ex numero 1 britannico e mondiale Andy Murray ha rifiutato un’offerta per suonare nel paese a causa delle preoccupazioni sui diritti umani nello stato del Golfo. L’Arabia Saudita è stata criticata da Human Rights Watch per aver cercato di rafforzare la reputazione della propria nazione organizzando eventi sportivi globali. Per presentarsi e giocare una partita, se sei un ex giocatore numero 1 al mondo, in Medio Oriente potresti potenzialmente guadagnare da $ 1 milione a $ 2 milioni. Internewscast ha riferito che l’Arabia Saudita stava pianificando una grande spinta nel tennis femminile.