Virginia “Ginni” Thomas, la moglie del giudice della Corte Suprema Clarence Thomas, sarà intervistata dal comitato della Camera il 6 gennaio 2021, secondo il presidente della giuria. Durante l’incidente, quando centinaia di sostenitori di Trump si sono precipitati in Campidoglio e hanno interrotto la certificazione della vittoria di Joe Biden, Ginni Thomas, un attivista conservatore, ha parlato con le persone nella cerchia del presidente Donald Trump. Dopo che gli investigatori hanno scoperto prove su Thomas – noto come Ginni – nelle comunicazioni, sono stati collegati a uno degli avvocati di Trump, John Eastman, rappresentante del Mississippi. Bennie Thompson, presidente democratico del panel, ha detto che è “ora che lei parli” prima del Comitato. Nelle settimane e nei giorni precedenti l’attacco, Eastman stava consigliando Trump, poiché il presidente ha insistito sul vicepresidente Mike Pence per opporsi o ritardare la certificazione di Biden, che avrebbe dovuto svolgersi il 6 gennaio. Le udienze si svolgeranno a giugno e ha detto che il suo nome potrebbe venire fuori. Questa non è la prima volta che i membri del panel hanno espresso interesse a parlare con Ginni Thomas. I membri del comitato hanno dichiarato a marzo che stavano valutando la possibilità di chiamarla a testimoniare durante le conversazioni di testo che aveva avuto con il capo di stato maggiore della Casa Bianca il giorno dell’attacco. Il giudice Thomas, che è stato l’unico membro della corte a votare contro, ha rifiutato la sentenza della Corte Suprema che autorizzava il comitato del 6 gennaio a raccogliere i documenti Trump conservati dalla National Archives and Records Administration.