Il traffico ha interrotto il traffico di Fentanyl dal Messico agli Stati Uniti dopo che i gruppi criminali messicani si sono procurati la droga dalla Cina. Sottolineando le responsabilità degli Stati Uniti per quella calamità, Pechino sottolinea la sua benevolenza nella cooperazione antidroga. In assenza di un riscaldamento significativo delle relazioni USA-Cina, ci sono poche possibilità che la Cina intensifichi la sua cooperazione antidroga con gli Stati Uniti. Approfondimenti sui modelli e sui limiti della cooperazione internazionale tra le forze dell’ordine della Cina possono essere trovati nell’evoluzione della posizione della Cina nei confronti della produzione di metanfetamina in Cina. La Cina prende molto sul serio la diplomazia antidroga nel sud-est asiatico e nel Pacifico, ma la sua cooperazione con le forze dell’ordine tende ad essere limitata ed egoistica. Messico e Cina non collaborano molto contro il traffico di droga. La Cina rifiuta la corresponsabilità e sottolinea che i controlli e l’applicazione sono di competenza delle autorità doganali messicane e di altre forze dell’ordine messicane. Nonostante la presenza di attori criminali cinesi in Messico, la Cina ha continuato a mantenere questa posizione. Le accuse statunitensi contro società e individui cinesi con l’accusa di traffico di droga sono importanti strumenti delle forze dell’ordine, ma rafforzeranno solo l’accovacciamento difensivo della Cina e limiteranno la sua collaborazione antidroga con gli Stati Uniti a meno che le relazioni bilaterali complessive non migliorino. Lo sviluppo e l’adozione di meccanismi di autoregolamentazione per le industrie farmaceutiche e chimiche in tutto il mondo possono ridurre la facilità di disponibilità di agenti precursori per i trafficanti di droga, data la mancanza di volontà politica globale di programmare un vasto numero di sostanze chimiche a duplice uso.