Non puoi fare a meno di rimanere stupito quando vedi casi come Wonderlands di Tiny Tina. È chiaro che Tiny Tina’s Wonderlands è uno spin-off di Borderlands 3 e costruito come sequel del DLC di Borderlands 2 “Tiny Tina’s assault on Dragon Keep”. È un’espansione a sé stante del terzo capitolo del gioco. Anche 70 sarebbe troppo per le versioni PS4 e Xbox One, dal momento che Tiny Tina’s Wonderlands è un mondo fantastico. Un’altra mod lo ha trasformato in un videogioco di ruolo irregolare completo di scheletri e spade, pur rimanendo uno sparatutto alla base, proprio come Tiny Tina’s Wonderlands. La creazione del personaggio è uno degli aspetti più interessanti di Tiny Tina’s Wonderlands, poiché ci sono 6 classi tra cui scegliere. Questo è un problema che contamina l’intero gioco: i nemici, i boss, gli oggetti, il bottino, tutto ciò che ricorda Borderlands 3. Le stesse armi, che sono state rielaborate per essere meno tecnologiche, con dardi e frecce magiche invece di razzi e proiettili, sparano come se fossero armi normali e non c’è troppa differenza con l’originale nel feedback. Tiny Tina’s Wonderlands ha preferito mettere una mappa su cui il giocatore può navigare in una versione super deformata di se stesso, da cui può dirigersi verso i livelli, più piccoli rispetto al passato. Il disegno delle mappe sembra più pigro e meno denso, con un flusso di loot a volte troppo simile tra loro. Se solo Tiny Tina’s Wonderlands fosse stato venduto in modo diverso, a un prezzo equo, e non come una Triple A, sarebbe stato facile ignorare i problemi elencati. L’articolo 75 è troppo?