Mentre i leader globali convergono a Sharm el-Sheikh, in Egitto, per il vertice annuale delle Nazioni Unite sul clima, ricercatori, sostenitori e le stesse Nazioni Unite avvertono che il mondo è ancora selvaggiamente fuori strada rispetto al suo obiettivo di fermare il riscaldamento globale e prevenire le peggiori conseguenze del crisi climatica.

Nelle prossime due settimane, i negoziatori di quasi 200 paesi si spingeranno a vicenda per aumentare le loro ambizioni di energia pulita, poiché la temperatura media globale è già salita di 1,2 gradi dalla rivoluzione industriale.

Vogliono porre fine all’uso del carbone, il combustibile fossile più sporco, che ha visto una rinascita in alcuni paesi, e cercare di escogitare un sistema per aiutare i poveri del mondo a riprendersi da devastanti disastri climatici.

La soglia sotto la quale gli scienziati hanno avvertito che il pianeta deve rimanere sta per scadere, come mostra una marea di rapporti recenti.

Secondo i rapporti delle Nazioni Unite e della World Meteorological Association, le emissioni di carbonio e metano hanno raggiunto livelli record nel 2021 e i piani che i paesi hanno presentato per ridurre tali emissioni sono oltremodo inadeguati.

Il mondo deve dimezzare le proprie emissioni di combustibili fossili entro il 2030.

John Kerry ha detto ai giornalisti in ottobre che nessun paese ha il diritto di essere delinquente.

Mentre inondazioni devastanti, tempeste sempre più intense e ondate di calore da record provocano il caos, le piccole nazioni insulari e altre nel Sud del mondo si stanno assumendo l’impatto.

Al di là dei paesi che si impegnano a incontrarsi e parlare di come sarebbe un potenziale fondo per perdite e danni, non è chiaro quale azione verrà fuori dal vertice di quest’anno.

Gina McCarthy, ex consigliere nazionale per il clima della Casa Bianca, ha detto alla CNN che pensa che la perdita e il danno saranno la questione principale al vertice delle Nazioni Unite sul clima di quest’anno e che le nazioni, compresi gli Stati Uniti, dovranno affrontare alcune difficili domande sui loro piani per aiutare i paesi in via di sviluppo .

John Kerry è l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima e il presidente della Repubblica popolare cinese.

La gente starà a guardare per vedere se gli Stati Uniti e la Cina possono riparare la loro relazione, un anno dopo che i due paesi hanno sorpreso il mondo annunciando che avrebbero lavorato insieme sul cambiamento climatico.

Kerry ha recentemente affermato che i colloqui sul clima tra i due paesi sono ancora sospesi e probabilmente rimarranno tali fino a quando il presidente cinese non li approverà.

Kerry e altri stanno guardando per vedere se la Cina mantiene la sua promessa di ridurre le emissioni di metano.

C’è una questione separata della cosiddetta finanza globale per il clima, un fondo che i paesi ricchi hanno promesso di investire denaro per aiutare il mondo in via di sviluppo nella transizione verso l’energia pulita.

I funzionari statunitensi spesso sottolineano la necessità di sbloccare gli investimenti privati ​​per aiutare i paesi ad affrontare gli effetti climatici.

L’obiettivo della COP 27 è tenere i piedi sul fuoco dei paesi sulle emissioni di combustibili fossili.

I rapporti mostrano che non siamo sulla buona strada per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi Celsius.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, il pianeta si riscalderà tra 2,1 e 3,0 gradi Celsius.

Il prossimo anno sarà l’anno in cui le nazioni dovranno fare un bilancio ufficiale per determinare se il mondo è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

You may also like

NASA Artemis I

La distanza massima che Orion raggiungerà dalla Luna durante la missione è di oltre 92.000 ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *