Due conduttori radiofonici neri in Arizona potrebbero impedirgli di vendere magliette White Lives Matter negli Stati Uniti.

I proprietari legali del marchio della frase erano Ramses Ja e Quinton Ward, conduttori del programma radiofonico settimanale sulla giustizia razziale Civic Cipher.

Assumere la proprietà del marchio per la frase “White Lives Matter” è stata una decisione difficile per i padroni di casa, hanno detto, ma hanno accettato di farlo una volta che è stato chiaro che qualcuno ne avrebbe ricavato molti soldi.

Ramses Ja e Quinton Ward sono i presentatori di un programma radiofonico settimanale dedicato al potenziamento delle voci nere e marroni.

Il Ku Klux Klan e altri gruppi di suprematisti bianchi usano la frase per descrivere il movimento Black Lives Matter.

Lo stesso giorno in cui West ha indossato una maglietta con l’immagine di Papa Giovanni Paolo II sul davanti e la scritta “White Lives Matter” scritta sul retro, ha depositato un marchio per essa.

C’è stata polemica alla settimana della moda di Parigi sulle t-shirt indossate da West.

Secondo i dati dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti, la persona che si è assicurata il marchio lo ha trasferito alla società di Ja e Ward.

Civic Cipher ha detto alla CNN che il proprietario originale del marchio è una persona che ascolta il loro programma.

Ja ha detto alla CNN che il diritto esclusivo di vendere vestiti con quel termine è di proprietà del proprietario del marchio.

Nel corso degli anni, West, che ha cambiato legalmente il suo nome in Ye, ha rilasciato una serie di dichiarazioni incendiarie che hanno fatto arrabbiare molti nella comunità nera.

West è stato accusato di aver rilasciato dichiarazioni incendiarie.

Uno spettacolo è iniziato nel 2020 per creare uno spazio in cui le persone di colore e marrone possono avere conversazioni.

Ja ha detto alla CNN che lo spettacolo va oltre ciò che sarebbe ascoltato su una stazione radio hip hop.

Due conduttori radiofonici statunitensi sono stati in grado di impedirgli di vendere magliette di White Lives Matter.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *