Dopo essere stato condannato a cinque mesi di prigione, il rivoltoso di gennaio ha invocato Jeffrey Epstein.

Troy Faulkner, dell’Ohio, che ha sfondato una finestra del Campidoglio mentre indossava una giacca con il nome e il numero di telefono della sua compagnia di pittura, è stato condannato a cinque mesi di carcere.

Faulkner ha detto alla corte di sostenere Trump perché credeva di combattere i trafficanti di esseri umani.

Faulkner ha bruciato la giacca che indossava al Campidoglio degli Stati Uniti e lei si è chiesta se avesse smesso di credere alle bugie di Trump sulle elezioni presidenziali del 2020.

Troy Faulkner spacca una finestra al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Il tribunale distrettuale di Washington ha chiesto a Faulkner se crede ancora a tutto ciò che dice Trump.

Faulkner sa che Trump non è il vero presidente.

Era ragionevole chiedersi se Faulkner fosse ancora suscettibile di una gigantesca bugia e potesse impegnarsi in violenza politica in futuro.

Faulkner ha fatto un commento alle telecamere dei telegiornali mentre lasciava il tribunale.

Faulkner si riferiva ai trafficanti di sesso che sono stati oggetto di numerose teorie del complotto.

L’avvocato di Faulkner ha detto durante l’udienza di condanna che si trovava in un posto migliore rispetto a quando ha sfondato la finestra del Campidoglio.

Faulkner ha suggerito che i rivoltosi fossero stati incastrati dalla polizia nei suoi commenti al giudice.

Faulkner ha detto che il presidente ha detto loro di andare lì.

Il rivoltoso del 6 gennaio invoca Epstein dopo aver ricevuto una condanna a cinque mesi per aver distrutto una finestra del Campidoglio, apparso per la prima volta su Internewscast.

You may also like

Crotone

Il progetto si propone di supportare i malati di Alzheimer e le loro famiglie nell’organizzazione ...

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *